La Ruota della Relazione

Created with Nokia Smart CamA volte, un po’ troppo spesso, a parer mio, le relazioni sono fonte di sofferenza più di quanto lo siano di crescita e bellezza. Per mille motivi, incomprensioni, sentimenti che finiscono o cambiano, aspettative deluse, progetti di vita che non coincidono più, e chissà quanti altri. Ad un certo punto mi è parso però di trovare una sorta di punto in comune in mezzo a tutte le storie che mi venivano raccontate: qualcosa era cambiato e uno, o entrambi, non riuscivano a vivere in positivo quel cambiamento, come se cercassero di rimanere attaccati ad un’immagine fissa del passato.

Si, sono sempre convinta che l’idea del “per sempre” sia davvero nociva. Ci fa pensare che tutto quello che dura meno di una vita intera non valga. Che se è finita non era amore. Che se abbiamo iniziato con un progetto dobbiamo morire con quello. Ed in questo modo le relazioni si incastrano, e noi ci incastriamo dentro di loro. Non ci rendiamo realmente conto che, se tutto nella vita è ciclico ed attraversa diverse fasi, così è anche per le nostre relazioni. E’ irrealistico pensare che una relazione, che è qualcosa di vivo e vitale, che viene creato da due persone a loro volta vive e quindi in movimento ed in crescita, possa restare immutata nel tempo. La verità è che noi cresciamo e cambiamo, il nostro partner pure, e di conseguenza anche la nostra relazione si modifica.

Su questa base è nata l’idea di questo percorso, la Ruota della Relazione, 9 incontri in cui ci troveremo in cerchio per sperimentare che la relazione è qualcosa di vivo, di cui possiamo osservare le diverse tappe, la crescita e l’evoluzione. Un percorso in cui osservare le zone d’ombra dove tendiamo ad incastrarci, gli snodi dove ci siamo bloccati in passato, e come trasformarli perché diventino al contrario passaggi di crescita delle nostre relazioni.

Lavoreremo sulle coppie archetipiche di ogni fase della relazione, e sulle coppie-ombra, impareremo a ritualizzare il lutto della fine di una relazione, o di una sua fase, e a come direzionare le nostre energie perché il nostro rapporto mantenga vitalità, e perché possiamo imparare a riconoscerne le varie fasi, traendo il massimo da ciò che è, senza false aspettative.

E intanto il primo consiglio che mi permetto di darti è: osserva sempre il tuo compagno come se fosse un Mistero. Non pensare di conoscerlo come le tue tasche, anche se siete insieme da mille anni, perché la verità è che anche dentro di te c’è una parte sconosciuta e segreta, quindi come potrebbe non esserci in un’altra persona? In questo modo, concedendovi entrambi uno spazio di sconosciuto ed insondabile, potrete sperimentare una diversa libertà, che vi permetterà di incontrarvi, scoprirvi e stupirvi anche dopo anni.

Se ti sembra il percorso adatto a te, non esitare a contattarmi! Qui trovi tutte le info sul prossimo percorso in partenza! Ti aspetto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...